WhatsApp raggiunge i 2 miliardi di utenti e introduce delle innovazioni.

WhatsApp raggiunge i 2 miliardi di utenti e introduce delle innovazioni.

WhatsApp raggiunge i 2 miliardi di utenti e introduce delle innovazioni.

WhatsApp è un’applicazione di messaggistica istantanea creata nel 2009, acquistata poi nel 2014 dal gruppo Facebook Inc.

Originariamente era stata ideata per un utilizzo da dispositivo mobile, poi è stata sviluppata anche una versione per computer desktop, infatti l’applicazione è supportata da Android, iOS, MAC OS e Windows Phone.

Stando alle percentuali pubblicate su internet, Whatsapp è l’applicazione di messaggistica più utilizzata al mondo e i 2 miliardi di utenti, che risultano attive ogni giorno, non fanno altro che confermare tutti i dati; posizionandosi seconda solo a Facebook, che ne conta 2.5 miliardi.

Nel corso di tutti questi anni l’applicazione è mutata notevolmente, attirando sempre più utenti al suo uso quotidiano.

Nata come semplice applicazione per scambiare semplici messaggi, un’alternativa gratuita agli SMS e MMS, è diventata non solo uno strumento indispensabile per rimanere collegati con gli amici, famigliari e conoscenti, ma anche un vero e proprio social network.

Negli ultimi 11 anni l’evoluzione di questa applicazione è stata esponenziale: dal normalissimo invio di testi siamo arrivati alla possibilità di inviare immagini, documenti, posizioni in tempo reale, contatti, GIF e vocali; effettuare non solo le semplici chiamate ma anche videochiamate; aggiungere foto oppure filmati; modificare il proprio stato e la propria immagine di profilo.

È stata introdotta anche la possibilità di creare un account Business (sempre gratuito) pensato per le piccole e medie aziende, per rimanere sempre in contatto con i propri clienti e far crescere il proprio marchio.

Così come tutti i social network, anche WhatsApp assicura la privacy di tutti i contenuti inviati e ricevuti attraverso la crittografia end-to-end che permette di avere comunicazioni sicure con gli altri utenti e impossibili da violare esternamente. 

Per anni, diversi governi hanno fatto pressione per poter far togliere questa crittografia, ma l’azienda è sempre rimasta inflessibile sulla sua decisione.

È stata introdotta anche la possibilità di segnalare contenuti spam e contatti indesiderati.

Addirittura, sta nascendo un progetto che determinerebbe la possibilità di compiere pagamenti tramite questa applicazione (per ora è solo un progetto, nato in India, ma che sta registrano circa 400 milioni di utenti).

Andando avanti di questo passo, WhatsApp potrebbe avere il potenziale di soppiantare le più conosciute piattaforme di caring e di e-Commerce.

Vedremo cos’avrà in mente WhatsApp per cercare di rimanere al primo posto nei confronti della concorrenza, siccome al secondo posto c’è solo Telegram (anch’essa un App di messaggistica, ma pensata per gli utenti più smanettoni).

Per il resto, non vi è concorrenza, siccome rimane solo Messenger (anch’essa molto utilizzata da miliardi di utenti) ma che fondamentalmente fa parte della stessa “squadra” di WhatsApp (ossia Facebook).

Contattaci per un preventivo senza impegno

Non esitare a scriverci o chiamarci per qualsiasi chiarimento, dubbio o domanda!

   Dichiaro di avere un’età non inferiore ai 16 anni nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina privacy policy di questo sito.